Le 7 interferenze della postura: come ottenere una postura corretta

postura corretta

 

Per postura si intende la posizione del corpo umano nello spazio e la relazione tra le sue parti corporee. Quando una postura e’ corretta? Quando è in… EQUILIBRIO! Per postura in equilibrio si intende:

La capacità del nostro corpo di mantenere la posizione eretta contrastando la forza di gravità, utilizzando il minor dispendio energetico sia in mobilità che in stazionamento; al fine di garantire un posizionamento corretto e un funzionamento ottimale delle principali funzioni vitali.

Come abbiamo scritto nell’articolo “Osteopatia & Postura”,  quest’ultima può essere modificata e influenzata da diversi fattori. Vediamo un po’ più da vicino quali sono i fattori che possono causare degli squilibri a livello posturale e sui quali possiamo intervenire per avere una postura corretta.

 

Per semplificare potremmo spiegare in 7 punti che cosa interferisce con la nostra postura:

 

immagine-osteopatia-corretta

  1. TRAUMI: sono il fattore più comune, che almeno una volta nella vita può aver influenzato la postura di tutti noi. Sia che si tratti di traumi un po’ più lievi, come una distorsione, o traumi più gravi, come lussazioni o fratture, questi eventi possono creare memorie” del trauma, causando dei compensi posturali per non sentire il dolore originario e andando a modificare negativamente la nostra postura. Ad esempio, dopo una distorsione alla caviglia o un trauma alla schiena, possono verificarsi dei fastidi e/o dolori che sentiamo anche a distanza di tempo, soprattutto durante i cambi stagionali, i quali ci portano ad assumere posture scorrette.
  1. L’APPARATO MUSCOLO SCHELETRICO: i traumi e una postura scorretta prolungate nel tempo possono modificare l’apparato muscolo-scheletrico: questo causa modifiche e adattamenti della struttura ossea, alla colonna vertebrale, al bacino ed agli arti inferiori e superiori. Tutto ciò limita la funzionalità e la mobilità delle varie articolazioni corporee, causando dei “blocchi” chiamati in Osteopatia “disfunzioni osteopatiche“.
  1. INTERVENTI CHIRURGICI: una conseguenza sono le cicatrici, le quali creano delle vere e proprie aderenze che mettono in trazione il tessuto connettivo, cioè il tessuto che ricopre e collega tutti i muscoli e le articolazioni con tutto il resto del corpo. 
  2. INTERFERENZE NEUROLOGICHE: esse derivano dagli organi di senso come occhi, bocca e orecchio. Quest’ultimi possono alterare primariamente la postura e l’equilibrio della persona, modificando e influenzando addirittura l’appoggio del piede. Esso a sua volta può essere sia causa che conseguenza di uno squilibrio posturale.

 

E’ molto importante affiancare, alla visita osteopatica iniziale, anche la valutazione posturale per capire quali di questi fattori influisce maggiormente sulla nostra postura e come intervenire.

Nei prossimi articoli spiegheremo in maniera più dettagliata come questi tre organi di senso e il piede si influenzino a vicenda e come loro influenzino la postura.