Problematiche dolorose

L’Osteopatia è una terapia manuale, complementare alla medicina classica. Tale metodica naturale tratta le varie patologie osteo-articolari senza utilizzare farmaci e valutando l’individuo nel suo complesso. La terapia Osteopatica è indicata per persone di tutte le età, dall’anziano, al neonato, alla donna in gravidanza. Essa può essere utile per persone che soffrono di problematiche che limitano la loro qualità di vita.

Essa va direttamente alla ricerca della causa originaria del “patos”, sofferenza, che molte volte, in una valutazione osteopatica, viene visto come sintomo della patologia e non come causa, la quale può trovare la sua origine in una zona diversa da quella del dolore.

Discopatia

Discopatia

La discopatia più comunemente conosciuta come “ernia del disco” è il risultato di una dislocazione seguita da fuoruscita di materiale normalmente contenuto nel disco intervertebrale (nucleo polposo), che facendosi spazio tra le fibre lesionate dell’anulus viene a contatto con le strutture nervose contenute nel canale spinale, la dura meninge e/o le radici. Nel disco normale l’anello fibroso, anulus, costituisce un perfetto apparato di contenimento del nucleo polposo che è al suo interno. Assai frequentemente l’ernia è associata alla protusione che consiste in una pregressa degenerazione del disco, intesa sia come rimaneggiamento del suo contenuto, che come alterazione e danno delle fibre dell’anulus.
Può coinvolgere le porzioni cervicale, dorsale e lombo-sacrale del rachide, con frequenza prevalente in regione lombare/lombosacrale e quindi cervicale; le ernie del disco dorsali sono molto più rare. Se la patologia dell’ernia del disco intervertebrale si manifesta principalmente ai livelli cervicale e lombare, deve molto far riflettere che ruolo giochi la particolare mobilità di queste porzioni della colonna vertebrale.
L’ernia lombare porta a dolore nella zona (lombalgia) e spesso anche alle gambe e, in quest’ultimo caso, viene comunemente indicato come sciatica. L’ernia del disco lombare si verifica 15 volte più spesso rispetto a quelle cervicali (a livello del collo), ed è una delle più comuni cause di dolore lombare.
I dischi posti tra le prime due vertebre cervicali (atlante ed epistrofeo), le vertebre dell’osso sacro e del coccige non possono sviluppare erniazione.
La maggior parte delle ernie del disco si verifica quando una persona è tra i trenta e i quaranta anni, cioè quando il nucleo polposo è ancora una sostanza gelatinosa. Con l’età il nucleo polposo tende ad “asciugarsi” e quindi il rischio di ernia si riduce. Dopo i 50 o 60, la spondilosi o la stenosi spinale sono le cause più probabili di mal di schiena o dolore alle gambe.
La terapia osteopatica può essere utile per prevenire l’insorgere di alcune patologie degenerative della colonna vertebrale come ernie e protusioni e mantenere sana e funzionale la schiena a tutte le età.

Brachialgia

Brachialgia

La brachialgia è un dolore che si irradia all’arto superiore; può associarsi a disturbi della sensibilità (ipoestesia, parestesie); si può accompagnare anche a cervicalgia (dolore al collo), ed in questo caso si parla di cervicobrachialgia.
Il dolore può interessare parte o tutto l’arto superiore, ed è dovuto all’irritazione o compressione di una radice nervosa del plesso brachiale a livello della colonna cervicale.
La terapia osteopatica può risolvere all’origine le problematiche antalgiche del plesso brachiale, decomprimendo la pressione esercitata su di esso; tramite tecniche manuali osteopatiche.

Brachialgia

Sciatalgia

La sciatalgia indica un dolore che si irradia lungo il percorso del nervo sciatico, dalla schiena verso le natiche e le gambe, arrivando a volte fino al dito mignolo del piede.
La sciatica non può essere considerata un disturbo a sé, ma è sintomo di un problema che interessa il nervo stesso.Spesso si verifica un’infiammazione del nervo sciatico dovuta a una “pressione” del nervo stesso.
La terapia osteopatica per mezzo di manipolazioni articolari, può liberare il canale sacro-iliaco e liberare la pressione che interessa il nervo sciatico, eliminando la sensazione di dolore.

Lombalgia

Lombalgia

Il mal di schiena, più correttamente definito lombalgia, è un dolore che colpisce il tratto lombare (basso) della colonna vertebrale.
Può localizzarsi all’altezza della vita con una percezione maggiore da un lato piuttosto che dall’altro, oppure irradiarsi ai glutei o anche lungo tutta o una porzione di gamba nel caso di  lombo-sciatalgia.
Essa può essere in forma “acuta” o “cronica“. In entrambi i casi l’Osteopatia può essere utile riportando in equilibrio le strutture del tratto lombare.

Cervicalgia

Cervicalgia

Quando si parla di cervicale o cervicalgia si intende un dolore al livello del collo.
Il dolore parte dal collo e da lì si irradia alle spalle (trapezi) e nei casi più gravi alle braccia, rendendo difficoltosi i movimenti.
Nella maggior parte dei casi (80-85%), all’origine del dolore, c’è un’alterazione non grave, che interessa le strutture meccaniche situate nella regione delle prime vertebre della colonna cervicale.In questi casi l’Osteopatia può essere un ottima terapia manuale per risolvere le problematiche del rachide cervicale.

Discopatia

Artrosi

L’artrosi è un processo degenerativo della cartilagine delle articolazioni composte da segmenti mobili.
Questo processo è caratterizzato prima dall’assottigliamento, e poi dalla lenta scomparsa della cartilagine degenerata, seguito dalla trasformazione sclerotica dell’osso con formazione di cisti e di speroni ossei (osteofiti) ai margini dell’articolazione; e naturalmente peggioramento di eventuali lesioni del disco.
La malattia può restare completamente asintomatica per molto tempo e talora può anche non manifestarsi mai.
Nonostante la dimostrazione radiologica di lesioni anatomiche a livello delle articolazioni, basti pensare che segni radiologici di artrosi vertebrale sono presenti nel 60% dei maschi e nel 44% delle femmine di età superiore ai 35 anni, e il 100% degli anziani ha qualche anomalia di tipo artrosico.
Si distinguono almeno tre tipi di artrosi: l’artrosi idiopatica, l’artrosi secondaria (o da “usura”), l’artrosi senile; tutte e tre le forme possono colpire le articolazioni vertebrali.Su tutti e tre i tipi di lesione la manipolazione vertebrale può essere curativa e preventiva, ma in particolar modo su quella cosiddetta da “usura”.
Infatti se quella senile è dovuta ad un processo inarrestabile e fisiologico; e quella idiopatica o primaria è di origine sconosciuta e molto verosimilmente dovuta ad alterazioni del patrimonio genetico; quella da “usura” invece è dovuta ad un uso eccessivo o scorretto dell’articolazione; per esempio ad una posizione non fisiologica del collo durante il lavoro, ma anche ad un’incoordinazione cronica del movimento osteoarticolare del rachide cervicale.
Queste alterazioni possono essere corrette facilmente da un ciclo manipolativo che non solo è curativo ma senz’altro previene le alterazioni artrosiche, che altrimenti proseguono in modo inarrestabile, fino ad essere definitive, ed allora l’unico trattamento terapeutico è quello medico, e nei casi più gravi chirurgico.
E’ molto importante localizzare con precisione l’origine del dolore e il grado di degenerazione ossea; perché molte volte pazienti, specialmenteanziani, affetti da lesioni artrosiche non gravi, documentate radiologicamente; chiedono semplicemente di sentire un po’ meno dolore e molte volte con un breve ciclo di Terapia ManipolativaOstepatica,il dolore scompare completamente in modo duraturo.
Questo accade semplicemente perché la lesione dolorosa aveva origine in un’ area ancora sufficientemente sana e quindi manipolabile.

Discopatia

Cefalea

La cefalea, detta comunemente ‘mal di testa’, è uno dei disturbi più comuni e più fastidiosi, ancora privo di una esatta spiegazione scientifica.
Ognuno di noi, almeno una volta, ne ha sofferto: si presenta come un dolore alla testa, diffuso o circoscritto, pulsante o fisso, talvolta accompagnato da altri sintomi (vomito, febbre, vertigini, aumento della lacrimazione, fotosensibilità).
Questo stato spiacevole può durare da qualche minuto fino a molte ore, ripresentandosi ad intervalli regolari (cefalea cronica).La sensazione di dolore che si avverte è dovuta al fatto che il cervello percepisce alcune anomalie a suo carico: l’ingrossamento dei vasi sanguigni, l’attivazione di alcune fibre nervose o la contrazione di alcuni muscoli (ad esempio pericranici).La sensazione spiacevole di dolore influisce negativamente anche sull’umore, sulle relazioni interpersonali e sulla vita lavorativa.
L’osteopatia può essere un valido alleato per la cura dei “mal di testa cronoci”. Per mezzo di trattamenti carnio-sacrali è possibile curare definitivamente le cefaleee croniche senza l’utilizzo di Farmaci.

Dorsalgia

Dorsalgia

La dorsalgia è un dolore toracico posteriore che colpisce quasi la metà delle persone che svolgono qualsiasi tipo di attività lavorativa e sportiva. Il dolore si avverte girando e flettendo il torace o nei movimenti che il tratto dorso/cervicale e dorso/lombare può effettuare; nei casi più gravi vi è il blocco del dorso ed è provocato quasi sempre da un insieme di cause. La terapia osteopatica è in grado in poche sedute, fin da subito, di recare sollievo a chi soffre di dolore dorsale ridando armonia e funzionalità’ alla struttura dorsale della schiena.