VISITE & TRATTAMENTI

Spina.Roi

Presso lo studio osteopatico OsteoSpace si effettuano visite osteopatiche personalizzate molto dettagliate, dove al primo incontro si esegue una raccolta dati del paziente, in modo da avere uno storico di tutti i traumi e/o le problematiche antalgiche e patologiche che la persona ha riscontrato nel suo vissuto.

Successivamente si valuta il paziente, in base alla raccolta dati e tramite una serie di test palpatori, per rilevare le disfunzioni osteopatiche responsabili delle limitazioni osteo-articolari e della “causa primaria” delle sintomatologie antalgiche.

In ultimo, dopo una attenta anamnesi osteopatica, si procede con il trattamento osteopatico, che consiste in una serie di tecniche manipolative manuali di tipo strutturale, fasciale, viscerale e/o cranio-sacrale atte a curare e risolvere le cause della sintomatologia antalgica.

 

 

 

 

Osteopatia Strutturale

osteopatiastrutturale

Il trattamento osteopatico strutturale consiste nella riarmonizzazione delle articolazioni di tutta la colonna vertebrale cervicale, dorsale, lombare, del sacro, bacino, delle coste, degli arti superiori e inferiori. Il lavoro di riequilibrio interessa la componente articolare, ossea e muscolare, per migliorare e mantenere il movimento ottimale delle articolazioni, favorendo i naturali processi di auto guarigione “dell’unità corporea”, migliorandone la stimolazione nervosa e l’apporto sanguigno in tutto il corpo.
Manipolazioni articolari, manovre articolatorie, tecniche muscolari etc., sono tutte tecniche utilizzate per migliorare la postura, la meccanica funzionale della colonna vertebrale e la dinamica dei fluidi articolari.
Secondo il dottor A.Still, fondatore della scienza osteopatica, vi è una relazione tra struttura e funzione. Egli affermava che l’osteopatia poteva riassumersi in un’unica frase: “la struttura governa la funzione”.
La  funzione è legata alla perfezione della struttura portante, se tale equilibrio è alterato ci si trova di fronte a una disfunzione osteopatica, caratterizzata da una zona corporea in cui è diminuita la mobilità.
Ristabilendo la corretta struttura portante, si ristabilisce la funzione segmento corporeo, favorendo il benessere generale dell’organismo.
Traumi sportivi, problemi posturali, mal di schiena, sciatalgie, lombalgie, cervicalgie, problemi muscolari, etc., sono tutte problematiche che possono essere risolti tramite trattamenti osteopatici strutturali con ottimi risultati.

 

 

Osteopatia Fasciale

osteopatiafasciale

II trattamento osteopatico fasciale consiste nella riarmonizzazione e il riequilibrio della componente di tensione della “fascia”.
Il “Sistema Fasciale” è il mezzo di collegamento e di relazione fra le varie strutture corporee, nello specifico: ossa, muscoli, legamenti e visceri. Essi sono tutti quanti collegati da questa struttura; la “fascia”. Questo è il motivo per cui in osteopatia si parla di “globalità dell’individuo”,  perché  spesso un dolore in una zona corporea è solo un sintomo e la causa può essere altrove.
Il trattamento osteopatico fasciale è  fondamentale affinché i risultati delle correzioni articolari si mantengano  nel  tempo. Un trattamento di riequilibrio posturale osteopatico  non si limita  al solo trattamento manipolativo  strutturare ma in molti casi necessita di un trattamento osteopatico  fasciale. Il trattamento osteopatico fasciale mira a correggere il movimento di trazione della fascia e ad avere un rilasciamento sulla tensione dei tessuti per garantire una corretta omeostasi in ogni singola parte del corpo.
Un tessuto che rimane per lungo tempo in una posizione di accorciamento, una volta allungato tenderà a ritornare nella posizione originaria pre-trattamento di disfunzione poiché il nostro organismo la considera come la posizione di minor tensione. Un lavoro orientato esclusivamente alle componenti articolari è infatti destinato nel tempo a recidivare nella disfunzione osteopatica, a causa della memoria dei tessuti.
E’ per questo che un trattamento osteopatico fasciale è necessario per “riprogrammare” la memoria dei tessuti intervenendo sulle componenti esterocettive della fascia.

 

 

Osteopatia Craniale

osteopatiacraniale

L’osteopatia craniale o craniosacrale è un tipo di trattamento dolce e delicato che favorisce il rilascio di stress e tensioni nel cranio e in tutto il corpo.
L’osteopata percepisce il movimento ritmico e sottile che è presente in tutti i tessuti del corpo. Questo movimento è chiamato meccanismo respiratorio primario (MRP) o impulso ritmico cranico. Restrizioni di questo movimento possono influenzare i meccanismi corporei e portare alla comparsa dei sintomi.
Come risposta a traumi fisici o stress emotivi i tessuti del corpo reagiscono. Ogni stress e tensione che rimane nel corpo può influenzarne le funzioni e dar luogo a problemi nel corso del tempo e gli effetti possono essere sia fisici che emotivi. Questa terapia offre un’opportunità al corpo di liberarsi dai suoi modelli disfunzionali e di ritornare ad una normale modalità di funzionamento.

Si tratta di un approccio delicato ma estremamente efficace, il quale può essere utilizzato in una vasta gamma di condizioni ed in persone di tutte le fasce di età, dalla nascita alla vecchiaia.

 

 

Osteopatia Viscerale

osteopatiaviscerale

Il sistema viscerale si basa sull’interconnessione tra il movimento degli organi e le strutture del corpo. In uno stato di salute ottimale questa relazione armoniosa rimane stabile. L’osteopatia viscerale cerca di eliminare gli squilibri e le restrizioni tra il movimento degli organi e le strutture corporee. La manipolazione viscerale si basa sul direzionamento specifico di forze manuali per favorire la normale mobilità, il tono e il movimento dei visceri e dei loro tessuti connettivi. Queste dolci manipolazioni possono migliorare il funzionamento dei singoli organi, i sistemi all’interno dei quali i singoli organi svolgono la loro funzione e l’integrità strutturale di tutto il corpo.

 

 

 

 

 

Diversi approcci per un unico sistema di trattamento

I termini “osteopatia strutturale”,”osteopatia fasciale”,”osteopatia craniale”e “osteopatia viscerale” risulterebbero impropri se facessero pensare che in osteopatia esistano diverse specialità e tipologie di trattamento a sé stanti.

E’ opportuno ricordare come l’osteopatia sia un approccio olistico che considera l’essere umano nella sua globalità di corpo, mente e spirito. Pertanto le varie terminologie si riferiscono ai diversi tipi di approccio manuale che l’operatore utilizza e integra in un unico sistema di trattamento osteopatico per esprimere il concetto di “UNITA” del sistema corporeo.

 

 

L’osteopatia e le Patologie affrontate

2.OsteoSpace.Uomo.Fronte.Dx

L’Osteopatia è una terapia manuale, complementare alla medicina classica. Tale metodica naturale tratta le varie patologie osteo-articolari senza utilizzare farmaci e valutando l’individuo nel suo complesso.
La terapia Osteopatica è indicata per persone di tutte le età, dall’anziano, al neonato, alla donna in gravidanza. Essa può essere utile per persone che soffrono di problematiche che limitano la loro qualità di vita come:

 

Cervicalgie, lombalgie, sciatalgie, brachialgie, artrosi, discopatie, dorsalgia, mal di schiena, cefalee, dolori muscolari e articolari da traumi, nevralgie, affezioni vestibolari come otiti, vertigini, acufeni, disturbi uro-ginecologici e digestivi.

Essa va direttamente alla ricerca della causa originaria del “patos”, sofferenza, che molte volte, in una valutazione osteopatica, viene visto come sintomo della patologia e non come causa, la quale può trovare la sua origine in una zona diversa da quella del dolore.